Eminem e Royce Da 5’9″: il resoconto del loro rapporto negli anni

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter

Quanto ci piacerebbe un bel ‘Bad Meets Evil 2’ di Eminem e Royce Da 5’9″, vero?

Non tutti però sanno che Eminem e Royce non hanno sempre avuto un rapporto così idilliaco durante gli anni.


Visto che ci avete chiesto di chiarire un po’ la questione, vi spieghiamo a tappe quello che è stato il rapporto (e a volte la faida) tra Eminem e Royce.

Torniamo un po’ indietro nel tempo, esattamente al 1998:
Eminem stava lavorando a ‘The Slim Shady LP‘, contenente la prima prova del duo Bad Meets Evil con l’omonima traccia.
Fino a qui tutto bene, anzi benissimo. Eminem, che come tutti sappiamo non lascia mai gli amici indietro, chiamò Royce per farlo lavorare come ghostwriter per il disco ‘2001’ di Dr. Dre. L’allora manager di Royce Da 5’9″, un certo Kino Childrey, per creare hype attorno al suo pupillo, in un’intervista rivelò i retroscena del nuovo “lavoro” di Royce per conto di Dr. Dre, spoilerando l’esistenza del nuovo album di quest’ultimo. L’etichetta Aftermath Entertainment chiese subito a Royce di dissociarsi dalle parole del suo manager, ma Royce si rifiutò di farlo.
Dre lo eliminò dal progetto, tanto da riscrivere ‘Xxplosive’ e lasciare però intatta ‘The Message’, canzone scritta a 4 mani con Royce.
Stando alle parole di Royce, non fu mai pagato per il lavoro svolto.

Anno 2001.
Eminem ha avuto sempre problemi legati al fatto di tagliare fuori dai suoi progetti le strofe di altri artisti (vedi 2 Chainz e Snoop Dogg). Questo è il caso di ‘Renegade’ con Jay-Z, pensata all’inizio per il disco di Royce.

Arriviamo al 2002.
Royce chiese ad Eminem un contratto discografico con la Shady Aftermath, ma quest’ultimo, impegnato con le riprese di ‘8 Mile’, se ne dimenticò ed una settimana dopo 50 Cent firmò il contratto.
Nel frattempo Eminem incluse Royce e il suo gruppo ‘D-Elite’ come gruppo di apertura dell’ ‘Anger Management Tour’ insieme ai D12.
Nei camerini iniziò la faida con i D12, poiché Royce scrisse una barra contro il tour, che recitava le seguenti parole: “Fanculo l’ Anger Management Tour, a me serve che qualcuno controlli la mia rabbia (manage my anger). Tornati a Detroit, Royce fece loro sapere dove potevano trovarlo, compreso l’orario ed il giorno, nel caso volessero morire. I D12 (compreso Eminem) si presentarono sul luogo dell’incontro e Royce non si fece trovare.

Nella diss-track ‘Malcolm X’ del 2003, Royce nominò Bugz (membro deceduto dei D12), dicendo di dargli l’onore che meritava, dato che accusava i D12 di averlo dimenticato e si scusava con la famiglia del defunto Bugz per gli insulti contro il gruppo di cui quest’ultimo faceva parte. Naturalmente era una frecciatina per far esplodere ancora di più la faida.

Tutti questi episodi portarono al distacco più totale di Eminem nei confronti di Royce ed iniziò una vera e propria guerra a Detroit, D12 contro D-Elite.
Le radio locali passarono ininterrottamente le diss track dei due gruppi coinvolti. 50 Cent prestò le sue strumentali ai D12 per rispondere a Royce.

L’apice dello scontro, ma anche la fine di esso, arrivò quando Proof incontrò Royce in un noto locale, volarono insulti e si puntarono le pistole alla tempia. Lo scontro finì con una notte in prigione, che fu di fondamentale importanza per la fine della faida. Proof e Royce, infatti, si chiarirono per tutta la notte e chiusero la faccenda per sempre… o così doveva essere!
Infatti nel 2006 morì Proof e nel 2007 Royce realizzò un mixtape includendo nuovamente una diss track contro i D12.

Di nuovo, nel 2008, Royce tornò all’attacco, usando insulti razziali nei confronti di Eminem per aver fatto firmare Cashis e non lui.

Una curiosità su tutta questa storia è che Eminem non ha mai risposto, né partecipato alle varie diss track. Nelle interviste, alla fatidica domanda rispondeva sempre con:

Non rispondo ai veri amici, un giorno Royce lo capirà“.

La seconda curiosità è che nonostante i dissidi erano fortemente voluti da Proof, Royce bersagliava sempre d’insulti Bizarre. Quest’ultimo punto è cruciale: infatti quando Bizarre è in disappunto con Royce sui social, quest’ultimo s’infiamma spesso e da qui s’intende benissimo che i due non siano davvero amici.

In elenco le diss track:

  1. D12 – Smack Down
  2. Proof – Many Men
  3. Royce Da 5’9″ – Shit On You
  4. Royce Da 5’9″ – We Ridin’
  5. Royce Da 5’9″ – Death Day
  6. Royce Da 5’9″ – Malcolm X

Cosa ne pensate di tutta questa storia? Sapevate già tutto?

Articolo scritto da Salvatore Spampinato.

“Per sapere di più e discutere con gli altri fans al riguardo, potete visitare la nostra pagina Facebook ufficiale, Eminem Italian Site. Vi aspettiamo!”

Copyright © MarshallMathers.eu | Riproduzione totale o parziale severamente vietata